14 Nov

CARPE DIEM MARIA

Pubblicato da casteddaius

Marinella Sestu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Badda Maria, nontesta badda

sonus antigus de bentu e de fangu

sboddicca is alas

arrì a sa vida

su coru apporri

a chini t’est caru.

Imprenda su fronti

de fragus de froris

acùa s’atrupelliu in s’umbra ‘e sa terra

badda Maria notas lebias

sene arrinnegus

ne’ tribulia.

Is momentus axedus

lassaddus svanessiri

ciuexi su pani de sa libertadi,

su velu de is ogus

sbertulianci attesu

allui su celu de sonnius cumprius.

Gherra, famini

traballu chi no nc’est

is fillus chi partint

no ti fazzant firmai,

is mussius nci funti

trasformaddus in prexu

sa genti tirriosa lassada fueddai.

E candu sa pena si nci hat’ essiri astesiada

castia su mundu

sene prus cadenas,

ascurta is titifrius

durcis de sa luna

pispisant amori

sceti po tui, Maria.

CARPE DIEM MARIA

 

 

 

Balla Maria, stanotte balla

i suoni antichi del vento e del fango

sciogli le ali

sorridi alla vita

il cuore porgi

a chi ti è più caro.

 

Adorna la fronte

dei profumi dei fiori

nascondi le angosce nell’ombra della terra

balla Maria note leggere

senza più rabbia e mai più pene.

 

Gli attimi amari

costringi a svanire

impasta il pane della libertà

il velo dagli occhi

getta via, lontano

accendi il cielo di sogni esauditi.

 

Guerra,fame

il lavoro che non c’è

i figli che partono

non ti possono fermare

i morsi ci sono

trasformali in gioia

la gente invidiosa lasciala parlare.

 

E quando la pena si sarà allontanata

guardalo il mondo

senza più catene

ascolta i brividi

dolci della luna

bisbigliano amore

solo per te, Maria.

 

 

2 Nov

GUASTU DE MACCHINA (Panne)

Pubblicato da casteddaius

Efisio Collu

 

 

 

 

 

 

 

Finas aundi intramant is nuis

abèliat su bentu buschendi s’arrastu

de unu soli timorosu chi s’inci lassat andai

in sa rezza prus niedda de s’horizzonti

finas a incilliri is bisus prus nous de s’anima.

Biaxiat su batticoru in su stradoni

e de tanti turmentu nd’appuat s’arrexoni

chi a mussius s’illudiu ddi devorat

de s’agatai andendu a ‘ndi boddiri unu frori.

Sa macchina in guastu frenat s’amori

in su mraxini desolau de su stradoni,

inferru chi allupat sa canzoni

pensada duas bortas de su coru.

E inc’est su tronu chi m’imbistit e mi stronat

is pensadas chi molint cun su bentu gelau

chi m’arresigat sa schina allunada in su motori

una borta, un’atra, e atras bortas ancora.

A bel’a belu sa notti infrissit su stradoni.

Camminu in su coru nieddu de su craboni.

M’est abarrada sa furighedda chi no s’arrendit

asutt’ ‘e un’aqua ghettada a siccias

appizzus de unu sonniu chi si restringit ancora

andendu a pei chene fueddus e proi-proi.

PANNE

 

Fin  laddove tramano le nuvole

ulula il vento fiutando le tracce

d’un sole codardo che si lascia andare

nella rete più cupa dell’orizzonte

fino ad incupire i sogni dell’anima.

 

Viaggia il palpito lungo la strada

e di tanta sofferenza ne scopre le ragioni

che a morsi l’illusione gli divora

ili trovarsi sulla via per cogliere un fiore.

 

La macchina in panne frena l’amore

sui margini desolati dello stradone,

l’inferno che soffoca la canzone

due volte ripensata dal cuore.

 

C’è il tuono che m’investe e mi frastorna

i pensieri che macinano nel vento gelido

che raspa le mie spalle curve sul motore

una volta, un’altra e tante altre ancora.

 

Pian piano la strada infilza la notte.

Cammino sul cuore nero del carbone.

M’è rimasta l’agitazione che non disarma

sotto un’acqua che viene giù a catinelle

su un sogno fradicio che si restringe ancora

andando a piedi sotto la pioggia e senza parole.

 

 

 

 

14 Set

SA FUIRURA DE CASTEDDU (La fuga da Cagliari)

Pubblicato da casteddaius

Teresa MundulaCagliari (1894 - 198o)

 

 

 

 

 

 

Appu connotu s’orrori ‘e s’inferru
appu connotu s’orrori ‘e su fogu
su girai senz’e domu e senz’e logu
su fuiri ‘e Casteddu a mesu e ierru.

A mesu e ierru e a mesu de sa notti
peus ch’omini a esiliu cundannau
su coru fiara in prantus, disperau,
senz’e sciri de is fillus sa sorti.

Cos’e fai prangi mannus e pipius!
Non una domu atturara senzera
in su Casteddu, no una domu intera,
e finzas is bastionis distruius!

In su xelu sa luna s’accuara
e is nuis fianta currendi che su bentu,
ma prus firmu esti oi su firmamentu
de sa terra scunvolgia e abruxara.

Non bieus de fuiri, aundi si sia,
seus peus che maccus, tottus stontonaus,
s’unu e s’atru prangendi si stesiaus
de fraris, sorris, no scieus ‘ta ndi sia.

Portaus scetti s’arroba chi bisteus;
de custa vira nostra ‘ta nd’aressi?
sa morti si ndi sighiri a s’impressi
atra cosa no importa, ne scieus!

Basta chi cussu fogu non s’abbruxi
asutta ‘e is murus non morri streccaus,
non fai sa morti ‘e topis, allupaus,
senza speranza de unu filu ‘e luxi!

Poi ar’a benni su famini e su siri
tottu s’ara mancai, prattu, gorteddu,
ma poiri fogu in conca, oi in Casteddu
atru no importa che prestu fuiri.

Ta vira bella a nosu fia donara!
Prima chi s’inimigu ndi benessi’
A mei pari, nisciunus da gosessi
comenti ‘e mei, sa domu sua stimara!

Si Deus mi salva, m’agguantara in peis,
cantu lagrimas mi nd’anta a calai
sa dì ch’a domu mia app’a torrai!
Ma sa domu stimara aressi in peis?

 

 

LA FUGA DA CAGLIARI

Ho conosciuto l’orrore dell’inferno,
ho conosciuto l’orrore del fuoco,
il girare senza casa e senza luogo,
il fuggire da Cagliari a mezz’inverno.

A mezz’inverno e a mezzo della notte:
peggio d’un uomo condannato all’esilio,
con il cuore in pianto, disperato,
senza sapere dei figli la sorte.

Cosa da far piangere grandi e piccoli!
Non una casa restata in piedi
nella città, non una casa intiera
e persino i bastioni distrutti!

La luna si nascondeva cielo
e le nuvole correvano come il vento,
ma oggi è più fermo il firmamento
della terra sconvolta e bruciata.

Non pensiamo che a fuggire ove che sia,
siamo come matti, tutti storditi,
ci allontaniamo l’un dall’altro col pianto
senza sapere nulla dei fratelli e delle sorelle.

Portiamo solo gli abiti che vestiamo;
di questa nostra vita che ne sarà?
La morte c’insegue in fretta
altra cosa non sappiamo, né c’importa!

Basta che quel fuoco non ci bruci
che non si muoia sotto i muri, schiacciati
e non far morte da topi, soffocati,
senza un filo di speranza.

Dopo verranno pure la fame e la sete,
ci mancherà tutto, piatto, coltelli,
ma a Cagliari oggi cade il fuoco sulla testa
e la cosa più urgente è quella di fuggire.

Che vita bella ci era data
prima che il nemico venisse!
A me pare, che nessuno la godesse
come me, la casa amata!

Se Iddio mi salva dal morire,
quante lacrime mi scenderanno
il giorno che tornerò alla mia casa!
Ma la mia casa amata sarà in piedi?

18 Lug

SU SONNU DE UNU PIPIU (Il sogno di un bambino)

Pubblicato da casteddaius

Antoni Lepori

 

 

 

 

 

 

 

 

Kini scit ita sònnat unu pipiu?

Kini scit ita pàssat in sa menti

de is pipius candu funt a letu?

 Ant a pensai forsis a s’afetu

de sa mama o de atru parenti?

Pènsanta forsis ki sa dì sighenti

ant a jogai de nou cun su kikiu?

Kini scit ita sònnat unu pipiu?

Podit essi puru ki unu mundu

ant a agatai, prenu ‘e cosas bellas;

at a essi  forsis su mundu de is istellas

o puru at a essi in su mari prus fundu?

Kini est ki cudd’arrisu jogundu

fait bessiri a fillixeddu miu?

Kini scit ita sònnat unu pipiu?

Forsis sònnat di essi setzendi

 unu mìtigu cuaddeddu alau?

Jai mi parit de du biri, prexau

di essi finsamenti bolendi.

At a essi a sa fini cirkendi

su beranu ki est sempri froriu?

Kini scit ita sònnat unu pipiu?

Kini scit ita podit sonnai

kini mai at fatu pecau,

ki no tenit unu passau

ki di depat su coru sperrai?

Vida sceti issu podit sonnai

ca de vida s’est a pena bistiu.

 Est custu su sonnu ‘e unu pipiu.

 

 

IL SOGNO DI UN BAMBINO

 

 

Chissà cosa sogna un bambino?

Chissà cosa passa nella mente

dei bambini quando sono a letto?

Penseranno forse all’affetto

della mamma o d un altro parente?

Pensano forse che il giorno seguente

giocheranno di nuovo con l’uccellino?  

Chissà cosa sogna un bambino?

Può pure essere che un mondo

troveranno, pieno di cose belle;

sarà forse il mondo delle stelle

oppure sarà il mare più profondo?

Chi è che quel riso giocondo

fa uscire al figlioletto mio?

Chissà cosa sogna un bambino?

Forse sogna di star seduto

su un mitico cavallino alato?

Mi sembra di vederlo felice

che stia finalmente volando.

Starà alla fine cercando

la primavera che è sempre fiorita?

Chissà cosa sogna un bambino?

Chissà cosa può sognare

chi non ha mai fatto peccato,

che non ha un passato

che gli debba il cuore spaccare?

Solo vita lui può sognare

perché di vita s’è appena vestito.

È questo il sogno di un bambino.

11 Lug

AMIGU (Amico)

Pubblicato da casteddaius

Ettore Sanna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cun su mari tengiu cunfiantza

c’ascurtat che amigu cuntentu

e sempri prontu a fai ‘n manera

de liberai sa menti de su mali.

E sighit gioiosu in sa danza

a sa musica sonàda de su bentu

carignendi s’atza de scogliera

cun didu delicau de acua e sali.

Is bortas ghe non arrespundit

funti po su chi hat a contessi

poita conoscit feti su passau

tenendisiddu stugiau in su sinu.

Faula cun beridadi non cunfundit

chistionendi craru chen’e pressi,

 in s’unda unu stampu m’hat lassau

undi fuliu su refud’e su destinu.

Cun passientzia cand’is delusionis

po su tropu ghetai dd’hant ingrussàda

dda trisinat a fundu ‘e s’orizzonti

isperdendidda in peis de sa luna.

Poi cuncordat unu bolid’e pillonis

chi joghitendu in s’aria asseliàda

a punt’e ala mi frandigant sa fronti

e torrant sa sperantzia in sa fortuna.

 

AMICO

 

Ho preso confidenza  con il mare

perché come un amico è contento d’ascoltarmi

e sempre pronto

a liberare la mente dal male.

 

Lui  continua  la sua gioiosa danza

al suono della musica  del vento

carezzando i bordi della scogliera

con delicate dita  di acqua e sale.

 

Quando non mi risponde

su quel che accadrà

è perché non conosce  che il passato

e lo racchiude in sé.

Non mischia bugie a verità

parla con voce chiara  senza fretta

e mi ha lasciato  un buco in un’onda

dove posso gettare  quel che rifiuto  dal destino.

 

Con pazienza

poi   quando è ingrossata

la trascina  in fondo all’orizzonte

per disperderla  ai piedi della luna.

 

Quindi prepara  un volo di uccelli

che giocano nell’aria  tornata serena

con la punta dell’ala  mi carezzano la fronte

riportando  la speranza  nella fortuna.

//

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

6 Lug

FILLUS DE SARDIGNA (Figli di Sardegna)

Pubblicato da casteddaius

Gabriele Ortu

 

 

 

 

Bai, amiga, bai,
cun is alas di amori,
e porta unu saludu
a is fillus de Sardigna
sparzinàus in su mundu
po unu arrogu ‘e pani,
negau in domu insoru.

Bai, in logus trotus
de disisperu e amestura
fueddus de cuncordia
po is corus in turmentu.

Bai, a su fossu ‘e Marcinelle,
a is sartus de nebida
de is pranuras lombardas,
a is fabricas de dolori.

Bai, amiga, bai,
in terra furistera,
e semina arregordus
di argiolas arriendu,
e cantus di amori,
po is corus emigraus.

Bai, cun su ‘entu solianu
in tot’is àndalas de mundu
e semina cunfortu
po is fradis emigraus.
Bai… bai… bai,
cun sa bertula prena
de sonus e de cantus
de sa terra nosta amada,
e imprassa cussus fradis,
e poneddus in prexu
po chi pozant binci’
sa grandu maladia
chi portant in su coru,
is fillus de Sardigna.

Bai… bai, portanceddu
custu mengianu bellu de soli,
cun is fragus de Campidanu,
Barbagia, e Logudoru,
a is fillus de Sardigna.

Bai, cun bisus nous
prenus de trigu ingraniu,
e allui lantias de speras,
in is corus emigraus.

Bai… E no scarescias
cussu campusantu
senza soli e senza prantu.

Bai… E lassa una pregadoria
po cussu fradi sfortunau,
chi no podit torrari…

 

 

FIGLI DI  SARDEGNA

Vai, amica, vai,
con le ali d’amore
e porta un saluto
ai figli di Sardegna
emigrati nel mondo
per un pezzo di pane
negato nella loro terra.

Vai, nei luoghi impervi
dove regna la disperazione
a lenire, con parole di conforto,
i cuori in tormento.

Vai nella miniera di Marcinelle,
nelle distese pianure lombarde,
dove regna la nebbia,
e nelle fabbriche, dove regna il dolore.

Vai, amica, vai,
in tutti questi luoghi
e semina i ricordi
delle aie allegre
piene di canti e d’amore
per i nostri emigrati.

Vai, col vento giusto
nei sentieri del mondo
e semina il conforto
tra i fratelli emigrati.
Vai… vai… vai…,
con la bisaccia colma
di suoni e di canti
della nostra terra
e abbraccia quei fratelli
e porta loro l’allegria
perché possano vincere
la grande nostalgia
che hanno nel cuore,
i figli di Sardegna.

Vai… Vai, porta loro
questo radioso mattino di sole
e gli odori del Campidano,
e della Barbagia, e del Logudoro.

Vai, con sogni nuovi
pieni di certezze
e accendi luci di speranze
nei loro cuori d’emigrati.

Vai… E non dimenticarti
di quei Camposanti
senza sole e senza pianti.

Vai… E deponi una preghiera
per quei fratelli sfortunati
che non torneranno … mai.

13 Giu

DE ITA SES FATTA? (Di che sei fatta?)

Pubblicato da casteddaius

Efisio Collu

 

 

 

 

 

De ita ses fatta amiga mia?

“De unu riri durci e attraidori

attesu de innoi a s’acabada de is cosas

poita tui no biris”.

De ita ti nurdias o solivaga?

“De pensamentus moddis e angoris

chi bivint in secretu su sonniu de s’anima”.

Cal’est su beni tuu prus lastimau?

“Un’amori cunfessau e schettu”.

Deu tengu su fueddu giustu chi ti minescit,

chi fait fraca in su sanguni e atundant

e chene mesura si scòviat fueddu de s’anima.

Ma si mi castias cun cussa luxi inchieta

e no segas calincunu de is aneddus

chi mi stringint sa conca,

no heus a camminai po sa ruga de sa craresa

poita a su sonniu tuu mancat sa festa.

 

 

DI CHE SEI FATTA?

 

Di che sei fatta amica mia?

D’un sorriso dolce e attraente

lontano qui fino alla fine del mondo

perché tu non mi vedi”.

Di che ti nutrì o solitaria?

“Di pensieri teneri e sofferenze

che in segreto vivono il sogno dell’anima”.

Qual’è il piacere che più vagheggi?

“Un amore che si riveli e sia autentico”.

lo ho la parola giusta che ti compensi,

che arde nel sangue e tondeggia

e si rivela a dismisura, parola dell’anima.

Ma se mi guardi con quella luce collerica

e non spezzi qualcuno dei cerchi

che cingono la mia testa,

non andremo per la strada della chiarezza

perché al tuo sogno manca la festa.

6 Giu

BASU A TUI (BACIO TE)

Pubblicato da casteddaius

Anna Cristina Serra

 

 

 

 

Ma poita prangiu,

candu  su sonu

accurzat su tempus

e deu limpiu

lillus de campu?

Prangiu e ti basu

po chi is laras mias

no si canchirinti

in su gumpriri

de sa musica

e de sa poesia.

Basu a tui

chi dogna tanti m’ingollis

a respirai

chene tempus in sa memoria,

in is amoris de unu populu

e a ndi circai

is bincidas.

Chene bregungia.

Alidus di animas

chi po trigu postu a parti

ddu arant a mesu a pari.

E no est berus

ca custu basidu

no tenit terras de arai

o tentas de messai.

Custu basidu,

chi lassat aberta sa ‘ia

a sa ‘oxi ‘e su mari

de ancà no si sodiganta mai

is navis chene banderas.

 

BACIO TE

 

Ma perché piango,

quando il suono

avvicina il tempo

ed io pulisco

gigli di campo?

Piango e ti bacio

affinché le mie labbra

non si rattrappiscano

nel compiersi

della musica e della poesia.

Bacio te

che ogni tanto mi conduci

a respirare,

senza tempo nella memoria,

negli amori di un popolo

e a cercarne le vittorie.

Senza vergogna.

Respiri di anime

che il grano messo da parte

lo arano assieme.

E non è vero

che questo bacio

non ha terre da arare

o strisce da mietere,

questo bacio,

che lascia aperta la strada

alla voce del mare

dove non si raggiungono mai

le navi senza bandiere.

23 Mag

COMENTE NARAS TUI (Come dici tu)

Pubblicato da casteddaius

      Sandro Chiappori

 

 

 

 

Gei dda seu biendi
foras de sa ‘entana
cabendi lena
me in sa cresura ‘e frùschiu…
ma no ti pongas pensamentu
innantis de obrèsciri
at a lassai de niai…
at a fai prus pagu frius
a su primu soli!

Una dì a su spibillai
nosu eus a essi luxi
e is chi immoi
funt ispinas de cresura
fridas de nii
ant essi froris.

No at essi cosa ‘e pagu
trampai su tempus
e cust’àteru ierru nostu
chi ancora de prus
s’at a immurrai is pilus…
ma eus a fai
comente naras tui:
notesta eus a abetai s’obrèsci
e gei ti ddas ap’a ligi
cussas curbas de poesia
chi ariseru apu scritu…
po tui!
Ma immoi beni…
ca si sfridat
su pani arridau…

 

 

COME DICI TU

 

Sì, la sto vedendo

fuori dalla finestra

scendere leggera

sulla siepe di pungitopo…

ma non preoccuparti

prima che albeggi

cesserà di nevicare…

farà meno freddo

al primo sole!

Un giorno al risveglio noi saremo luce

e quelle che ora

sono spine di una siepe

gelide di neve/ saranno fiori.

Non sarà facile/ ingannare il tempo

e quest’altro nostro inverno

che un pò di più

c’imbiancherà i capelli…

ma faremo/ come dici tu:

stanotte aspetteremo l’alba

e te le leggerò, vabbé,

quelle strofe di poesia

che ho scritto ieri…

per te!/ Ma vieni ora…

perché si raffredda

il pane abbrustolito…

 

2° Premio – II Edizione del Premio di Poesia “Santu Mauru” – Sorgono 2013

2 Mag

CHIMERA

Pubblicato da casteddaius

Giancarlo Secci

 

 

 

 

 

 

Abellu abellu

Alliscinat

Sa noti

Is pillonis

Dromint in sa ‘omu bianca

Babu

Torrat arriendi

Cun su cappeddu nou

In su sonnu

Deu bandu

Conc’a s’orizonti

Scrutzu

Avatu ‘e babu giovunu

Bandu

A seminai sa vida

CHIMERA

Piano piano

Scivola

la notte.

 

Gli uccelli

dormono dentro la casa bianca.

 

Babbo

ritorna sorridendo

con il cappello nuovo.

 

Nel sogno

io vado

verso l’orizzonte.

 

 A piedi nudi

dietro a babbo giovane

vado

a seminare la vita.

 

53^ Edizione “Premio Ozieri” 2012 – Sezione
Poesia Sarda inedita “Antonio Sanna” 4°Premio (ex aequo)

 

 

 

echo '';